Diario di Mamma // Culetto arrossato

culetto arrossato

 

Da quando sono diventata mamma, mi capita di sentire taaaanti pareri diversi sui prodotti per bambini.

In mezzo a tanta confusione, solitamente io, compro di tutto e provo (proprio come se facessi shopping per me XD).

Il mio piccolo non soffre di stitichezza, quindi non ha mai avuto grandi problemi di culetto arrossato, nonostante ciò ogni cambio di pannolino curo la sua pelle con qualcosa.

Ho provato la pasta per culetto Fissan, Mustela, Chicco, e tante altre, ma la mia preferita è la Bepanthenol che metto ogni qualvolta che fa cacchina.

 

culetto arrossato

 

Le creme lenitive (ottime alla calendula) vanno usate come risorsa quando ci sono degli arrossamenti o quando il bimbo ha diarrea o similari.
Le creme all’ossido di zinco vanno usate con moderazione poiché se dosate male secca la pelle ed inoltre è importane essere a conoscenza che ci sono degli ossidi di zinco che contengono altri metalli o sostanza dannose.

Un ottima alternativa bio è la
maizena, ovvero l’amido di mais, un rimedio naturale per dermatite da pannolino , basta metterla in un contenitore del talco e spolverare il culetto un paio di volte al giorno, così vi assicurate una pelle asciutta e morbida.

culetto arrossato

 

Già che si parla di cure intime per bambini, chiedo a chi, come me, ha un maschietto se vi è stato consigliato di aprire il prepuzio (nel pisellino).

Nei maschietti il prepuzio è spesso aderente al glande, ma nelle delicate manovre di detersione del pene non è opportuno cercare di scoprire del tutto il glande con manovre di stiramento verso il dietro del prepuzio.

Secondo la mia esperienza alcuni pediatra sconsigliano di farlo e lasciare così com’è, altri (come la mia) invece consigliano i effettuare queste manovre sin da piccoli, così da sentire meno dolore.

Mia madre dice che è necessario , sia per il benessere futuro che per una questione d’igiene, e voi cosa ne pensate?

...

You might also like

Leave A Reply

Your email address will not be published.